,
ARD TIPS

Manuale d’assetto, capitolo 1: il precarico

Il primo passo verso la ricerca del nostro assetto comincia con il precarico, regolazione che si trova sulla stragrande maggioranza delle moto in commercio.
Ma innanzitutto: cos’è?

Il precarico non agisce sull’idraulica ed è legato direttamente all’accorciamento della molla rispetto alla sua lunghezza “libera”, cioè senza alcuna sollecitazione. Un maggiore accorciamento significa che occorre una forza più elevata per fare iniziare la compressione della sospensione, mentre la rigidezza della molla, indicata dalla sua caratteristica elastica, rimane invariata.
In sostanza agendo sull’apposito registro cambiamo la forza da vincere per fare iniziare la compressione. Aumentando il precarico le sospensioni si comprimono meno sotto il peso della moto e del pilota, in altre parole aumenta l’altezza dell’assetto; diminuendo il precarico le sospensioni invece si comprimono di più, abbassando l’assetto…

Vuoi leggere l’articolo completo?

Iscriviti e potresti vincere una esperienza indimenticabile.